Open Nav

Marche Temporali

Certificare la data dei propri documenti digitali

La marca temporale consente di attribuire, ad un documento informatico, una data ed un orario validi giuridicamente ed opponibili a terzi, garantendone la certificazione nel tempo per 20 anni.
Consente di stabilire l’esistenza del documento al quale è stata applicata a partire dalla data e l’ora certificata.
Inoltre la marca temporale permette di dimostrare che l’apposizione della firma digitale su quel determinato documento è avvenuta quando il certificato di firma era valido.

La marcatura temporale di un documento consiste nella generazione, da parte di una terza parte fidata, di una Time Stamping Authority (TSA), una sequenza di caratteri contenenti una data ed un orario preciso.
Per apporre la marca digitale ad un documento è necessario aver installato il software Dike, disponibile su IDpec.

Un file marcato temporalmente contiene il documento del quale si è richiesta la validazione temporale e la marca emessa dall’Ente Certificatore InfoCert.

500
Marche Temporali

129 una tantum

1000
Marche Temporali

249 una tantum

3000
Marche Temporali

699 una tantum

Per quali documenti è necessario applicare una marca temporale?

La marca temporale attesta giuridicamente la data di un documento, per questo è opportuno utilizzarla in tutti quei casi in cui si renda necessaria tale validazione e per dimostrare che l’apposizione della firma digitale su quel documento è avvenuta quando il certificato di firma era valido; per esempio nelle richieste di emissione di credito, nei finanziamenti a medio e lungo termine destinati alle imprese, le richieste di anticipo su forniture o esportazioni, il documento di valutazione dei rischi.

Cosa distingue il riferimento temporale dalla marca temporale?

Il riferimento temporale è un’informazione, contenente data ed ora, associata ad un documento informatico applicata dal proprietario del documento, che se ne assume la responsabilità. La marca temporale invece è un’evidenza informatica, ad attestarla non è il proprietario del documento ma un ente certificatore esterno, secondo le disposizioni delle regole tecniche, che la rende valida giuridicamente e opponibile a terzi.

Quali informazioni sono contenute all’interno della marca temporale?

Una marca temporale contiene l’identificativo dell'emittente; il numero di serie della marca temporale, l’algoritmo di sottoscrizione della marca temporale; l’identificativo del certificato relativo alla chiave di verifica della marca temporale; il riferimento temporale della generazione della marca temporale; il riferimento temporale della generazione della marca temporale; l’identificativo della funzione di hash utilizzata per generare l'impronta dell'evidenza informatica sottoposta a validazione temporale; il valore dell'impronta dell'evidenza informatica.